Passa ai contenuti principali

TUTTA COLPA DELL'EVASIONE: MALAFEDE O IGNORANZA

E' lo slogan utilizzato da qualunque politico. Da Berlusconi-Tremonti a Prodi-Visco per non parlare di Monti, Renzi, Gentiloni e che dire di Di Maio che vorrebbe il carcere.

E' l'unica difesa, il baluardo a cui aggrapparsi per giustificare le nefandezze di chi governa e  qualsiasi indecenza di cui la politica è artefice; e che certifica la loro grettezza e la loro inettitudine. Ma, purtroppo, rappresenta anche la semplicità con la quale le persone si tranquillizzano trovando il capro espiatorio che consente di non approfondire i meccanismi economici e finanziari.

D'altronde un'aforisma di Oscar Wilde è sempre attuale e veritiero: solo chi sembra stupido ha accesso alla camera dei comuni e solo chi è stupido vi ottiene successo.

E allora vediamo le fake news a cui siamo sottoposti:


  1. Se non ci fosse l'evasione fiscale non avremmo il debito pubblico che abbiamo
  2. Se non ci fosse evasione fiscale non avremmo tasse così alte
  3. Se non ci fosse l'evasione staremmo tutti meglio
  4. Se non ci fosse l'evasione fiscale il nostro PIL sarebbe .....
Potremmo continuare con le affermazione esilaranti dei nostri politici e di altri occupanti cariche "importanti" esternate negli ultimi vent'anni, ma preferirei soffermarmi sulla falsità di queste affermazioni.

Si potrebbe far riferimento ai dati di FMI e EUROSTAT per dimostrare che, alla fine, l'Italia non è così differente da altri paesi europei. Oppure si potrebbero prendere i dati svizzeri per scoprire che non siamo mai stati il primo paese europeo per nero portato oltralpe. I dati sono eloquenti: la Germania è il paese che ha il primato per denaro non ufficiale portato in Svizzera. Ma, invece, sono alcuni dati della Germania che possono stupire che legge solo il sole 24 ore e i nostri quotidiani. E allora ecco cosa si può scoprire dalle istituzioni tedesche. 

Già, perché ci raccontanoo che la Germania fa più nero dell'Italia. E lo dicono loro. Più attendibili di così. Ma ovviamente è vietato parlarne in Italia e distruggere i castelli della menzogna che imperversano da 20 anni.

Lanalisi è dell'Insitut Der Deutschen Wirtschaft di Colonia (Istituto per l'economia tedesca) che ha reso noti i dati riferiti al 2017.

IN GERMANIA

  1. Ci sono 11 milioni di lavoratori che lavorano occasionalmente in nero
  2. Ci sono 2,5 milioni di lavoratori totalmente ed esclusivamente in nero
  3. L'economia sommersa, in nero, è pari a 351 miliardi di euro.
Da settimane ne discutono in Germania, soprattutto sulla nota rivista "Die Welt" ma da noi i fake media non ne parlano.

Certo è molto scomodo parlarne perchè i dati sono umilianti per i nostri politici e per tutta la gente che sostiene a spada tratta che qualsiasi disfunzione sia dovuta all'evasione:


                                            GERMANIA                    ITALIA

DEBITO PUBBLICO                64%                             132%

PIL 2017                                     2,2%                            1,6%                                            
PIL 2018                                     1,7%                            1,1%

DISOCCUPAZIONE                    5%                             10,5%


Sono solo alcuni dati. Le differenze sono abissali. Davvero si pensa che sia tutta colpa dell'evasione fiscale. Solo la malafede o l'ignoranza possono portare a questa conclusione.

Ed ecco spiegato perché in Italia non si affrontano i problemi che ci attanagliano da anni in modo serio e, quindi, perché si evita di divulgare le giuste informazioni sui dati macroeconomici che giornalmente vengono pubblicati. Sia chi governa e sia chi è all'opposizione ha interesse a pubblicizzare ciò che sembra una giustificazione plausibile.. 

Non solo crollerebbe un mito......ma sarebbero poi costretti a parlare di responsabilità, ad affrontare i temi di spesa pubblica, di gestione dello stato, di parassitismo, di privilegi......no non è proprio il caso. Metti che poi gli italiani, magari, inizino anche a capire.

Un ultimo dato, pubblicato anche dal noto sito di economisti con i quali non mi trovo spesso d'accordo, ma che apprezzo per la pubblicazione di molti dati e numeri che nel nostro paese non trovano spazio.



Come si evince da questo grafico (FMI, Eurostat) la parte produttiva dell'Italia ha un'evasione in linea con il resto d'Europa. Un'elevata evasione, invece, l'abbiamo in altre zone d'Italia dove manca o è carente l'attività imprenditoriale, ma, purtroppo è ben presente un altro sistema.


 





Commenti

Post popolari in questo blog

BANCHE SEMPRE PIÙ A RISCHIO

Il sistema bancario è sempre nell'occhio del ciclone. E sembra essere in forte difficoltà con rischi a livello di liquidità e capitalizzazione.

Non basta la perdita continua a causa del 10-12% di possesso di titoli di stato nel loro attivo che ha portato a perdite consistenti, ma a ciò si deve aggiungere il downgrade del settore da parte di Credit Suisse che ha definito le nostre banche a rischio a causa della situazione e della manovra finanziaria. Infatti, l'Istituto Svizzero ha calcolato un conto da quasi 10 miliardi per le banche causati dall'introduzione di limite nella legge di bilancio alla detrazione degli interessi delle banche.

Tutto questo ricade sui risparmiatori e i correntisti ed è un danno per le aziende.
Infatti, i costi della manovra saranno pagati dai correntisti attraverso costi maggiori da sopportare. Il governo si fa bello perché colpisce le odiate banche, ma in effetti si tratta di tasse occulte per tutti a causa del fatto che anziché aumentare le tas…

RABOBANK: ITALIA SUL PRECIPIZIO DEL DEBITO

La notizia la riporta Bloomberg, e questa convinzione è espressa da Richard McGuire Capo della strategia della Rabobank ai gestori in un convegno a Madrid.
Lasciare perdere lo spread e concentrarsi sul debito; questo è il suo pensiero. Perchè i problemi verranno dall'ascesa del debito pubblico.

In pratica ciò che sostiene è che la spirale del debito è tale per cui ci si trova in un punto di non ritorno. Questo perchè i 2,7 trilioni di dollari di debito subiranno un'impennata verso l'alto a causa degli interessi che già si stanno pagando.

Il decennale paga il 3,21% e si avrebbe bisogno che si tornasse entro il limite del 2,63%. Cosa improbabile. Ma è questo ciò di cui dovrebbero preoccuparsi i politici italiani.

Il debito è in ascesa e la credibilità dell'Italia in discesa e il 26 ottobre McGuire ricorda che ci sarà una nuova emissione di debito e in contemporanea la valutazione delle agenzie di rating (che potrebbero declassarci).

Lo strategis ritiene che gli effetti deg…

IL GRANDE FLOP: BTP ABBANDONATI DAGLI ITALIANI

Il governo italiano pensava di raccogliere 8 miliardi tramite l'emissione dei famigerati BTP Italia.
Quella particolare emissione legata all'inflazione e che garantisce un tasso dell'1,45% riservata agli italiani che acquistano direttamente i titoli di stato on line senza commissioni. Una facilitazione che dovrebbe stimolare all'acquisto.
Bene, oltre ai fondi comuni (che vendono) e al retail estero che non si sogna certo di acquistarli, anche il popolo italiano non ha raccolto l'invito al patriottismo fatto da Salvini.

Altro che 8 miliardi; in questi primi 2 giorni sono stati sottoscritti solo poco più di 750 milioni, e domani l'operazione BTP Italia si chiuderà. Se si arriverà ad 1 miliardo sarà già tanto.

Questi sono i primi effetti della situazione venutasi a creare in Italia e sull'Italia.

É il primo evento che acclara quanto già si sapeva sul rischio Italia e sulla totale sfiducia che permea, oramai, sembra irreversibilmente, il nostro paese.

É inizia…